Cerca

IPAZIA E IL MISTERO DELL'ESSERE


"La trascinarono nella chiesa di Cesarione, la spogliarono nuda e la lacerarono nel suo corpo con frammenti di pentola, facendola a pezzi. Quindi portarono il suo corpo smembrato a Cinaron e lo bruciarono su una pira.

Il cronista Giovanni di Nikiu, scrive che Ipazia "ha sedotto molte persone attraverso astuzie sataniche".

Fu per l'accusa di "stregoneria" e di esser coinvolta nella divinazione e nella magia, perché dedita agli astrolabi e agli strumenti musicali che Ipazia fu barbaramente uccisa.

Eppure frammenti sopravvissuti degli insegnamenti dei suoi insegnamenti indicano un orientamento mistico nell'ambito di una lucida visione filosofica che abbracciava le scienze naturali, la matematica e l'astronomia.

Scorci delle sue visioni spirituali sopravvissero alle lettere dei suoi discepoli, che parlano di "l'occhio sepolto in noi", una "guida divina". Mentre l'anima viaggia verso la divinità, questa "scintilla nascosta che ama nascondersi" si trasforma in una fiamma di conoscenza.

La filosofia di Ipazia riguardava il "mistero dell'essere", la contemplazione della Realtà, il sorgere in elevati stati di coscienza e l '"unione con il divino", l'Uno. [Dzielska, 54-5, 48-50]

"Governare stimolando la mente attraverso la paura della punizione in un altro mondo, è altrettanto semplice come usare la forza" ci dice Ipazia. Pedagoga della libertà ante litteram.

Non stupisce che la storica Silvia Ronchey sposi la tesi che vede Caterina d'Alessandria sovrapposta alla figura di Ipazia.

38 visualizzazioni0 commenti
  • Facebook - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle
  • Amazon - Bianco Circle

© Francesca Serra 2018

Web Designer:                  - all rights reserved

Tutti i diritti riservati

  • Black Facebook Icon
  • Black Instagram Icon
  • Black Icon Amazon